Integratore di Cranberry, tutte le proprietà

Integratore di Cranberry, tutte le proprietà

Integratore di Cranberry, tutte le proprietà

Se soffri di frequenti infezioni delle vie urinarie, avrai probabilmente sentito parlare degli integratori di Cranberry o mirtillo rosso americano.

Si tratta di una pianta dalle proprietà antinfiammatorie e disinfettanti, che si occupa di lenire le infezioni di natura batterica che tendono ad annidarsi, come ad esempio la cistite.

Vediamo quindi dettagliatamente cos'è il mirtillo rosso e quali tipi di integratori genera, benefici per il corpo soprattutto in particolari periodi dell'anno di forte stress. 

Indice:

Cos'è il Cranberry

Iniziamo dicendo che il Cranberry, o mirtillo rosso americano, non è una vera e propria cura contro le infezioni, ma una pianta che aiuta a prevenire la loro comparsa oppure allevia i sintomi, con la sua funzione antisettica.

Si tratta di un frutto ricco di composti fenolici che, oltre a intervenire sulle infiammazioni, combattono i radicali liberi e prevengono l'invecchiamento cutaneo e dei tessuti.

Parliamo di un vegetale che cresce rigoglioso con un clima temperato, soprattutto vicino ai laghi e alle zone fresche, soprattutto quindi negli Stati americani che presentano queste condizioni atmosferiche.

 

Integratore di Cranberry, tutte le proprietà

 

Si tratta di un vero e proprio alimento, che può essere utilizzato per guarnire e dare sapore ai piatti ma anche ideale da aggiungere all'interno di bevande e integratori, da solo o associato ad altre componenti altrettanto positive per il tratto urinario, molto spesso soggetto a infiammazioni e infezioni di vario genere, come la cistite.

Ricco di favonoidi, il Cranberry apporta anche una generosa dose di vitamina C e di aminoacidi essenziali, che spesso non vengono sintetizzati dal corpo nella quantità necessaria.

Benefici dell'integratore di Cranberry

Numerosi sono i benefici dei quali è possibile godere bevendo del succo al Cranberry o, per una dose massiccia e ben bilanciata, ricorrendo a un integratore naturale puro o abbinato ad altre sostanze.

Contrastare le infezioni urinarie

Il primo compito degli integratori di Cranberry è quello di evitare la formazione di infezioni batteriche e virali delle vie urinarie, come nel caso della cistite che, se cronica, può essere molto dolorosa e portare diversi disagi.

In particolare, ad essere rese inospitali per gli invasori sono le pareti della vescica, scivolose e più resistenti, in modo che il tratto si mantenga sempre pulito, soprattutto se il trattamento è accompagnato da una buona idratazione.

L'aspetto davvero interessante di questo prodotto è la sua azione preventiva, in quanto provoca effetti collaterali quasi nulli e pertanto può essere prolungato nel tempo per migliorare la salute dell'apparato genitale.

Azione antiossidante

La presenza di radicali liberi rende i tessuti maggiormente soggetti a invecchiamento, che si traduce in un deperimento delle cellule e in un aspetto esteriore meno tonico e radioso.

In generale i frutti rossi, in particolare il Cranberry, hanno la proprietà di contrastare questa situazione e mantenere più giovane l'epidermide, proteggendola anche da eventuali agenti atmosferici che possono risultare dannosi.

Azione drenante

Oltre a favorire una pelle più giovane e radiosa, optare per un integratore al Cranberry significa anche contrastare l'azione della cellulite e in particolare della ritenzione idrica, drenando i liquidi in eccesso e portando a uno smaltimento consistente dei grassi accumulati.

Combinato con altri principi attivi, il mirtillo rosso americano è in grado di stimolare il metabolismo, soprattutto se accompagnato da una dieta sana ed equilibrata.

Integratori di Cranberry, funzionano veramente?

Gli integratori di Cranberry sono una soluzione particolarmente indicata per tutte quelle donne che soffrono di infezioni alle vie urinarie, che si sviluppano soprattutto nella fase fertile della vita.

Le recensioni sono tutte positive, sia per quanto concerne gli effetti benefici, sia per le controindicazioni che non si manifestano se non per un dosaggio davvero eccessivo.

 

Integratore di Cranberry, tutte le proprietà

 

La modalità di assunzione è molto semplice e varia in base alla formula prescelta, se sotto forma di bevanda, di succo o di capsule, che possono essere molli o dure a seconda del gradimento.

Si tratta della formula più comoda, perché necessita solo di un sorso d'acqua e la quantità di prodotto è già quella consigliata in un'unica pasticca.

Integratore di Cranberry e le controindicazioni

Secondo gli studi effettuati nel tempo, gli integratori al Cranberry tendono a non provocare alcun effetto collaterale, anche nei soggetti allergici e più sensibili.

Tuttavia, nel caso lo stomaco sia particolarmente irritato e soprattutto si prolunghi il trattamento troppo avanti nel tempo, è possibile sviluppare delle irritazioni della mucosa gastrica, con episodi di diarrea o di dolori addominali e gonfiore.

Inoltre, nonostante si tratti di un toccasana per le vie urinarie, è sconsigliato per coloro che tendono a sviluppare dei calcoli piuttosto frequenti, per i quali è opportuno eseguire un altro genere di terapia.

L'alto contenuto di zucchero, poi, potrebbe rendere il mirtillo rosso nemico di alcuni regimi alimentari ipocalorici e non essere del tutto compatibile con la presenza del diabete.

Si tratta comunque di casi che si verificano davvero in forma sporadica, pertanto parliamo di un valido rimedio contro tutte le infiammazioni, soprattutto la cistite che tende a presentarsi nei periodi di forte stress, quando le difese immunitarie tendono ad abbassarsi.

Come assumere l'integratore di Cranberry

Le modalità di assunzione di un integratore di Cranberry sono piuttosto variabili e dipendono dal formato prescelto.

Nel caso della polvere, meglio scioglierla in acqua e bere il prodotto come una tisana, considerando sempre le dosi consigliate e senza eccedere.

La soluzione più comoda, secondo le recensioni dei clienti, è quella delle capsule molli, che sono più facilmente assorbite dalle pareti dello stomaco e si sciolgono a contatto con i liquidi.

In ogni caso, meglio assumere il prodotto lontano dai pasti, in modo da non inficiare la sua azione e permettere alle vitamine, ai minerali e ai flavonoidi di sprigionare le sue proprietà benefiche.

Parliamo di un trattamento che può essere portato avanti diverse settimane, anche due mesi se necessario, per poi operare una pausa, in modo che il fisico non si abitui troppo alla composizione e possa in futuro beneficiarne alla comparsa di infezioni batteriche o virali.

Articoli correlati


Vitargo, cos'è e come si assume
Vitargo, cos'è e come si assume
Gli integratori energetici al giorno d’oggi vanno per la maggiore quan
Leggi
Integratore di Cartilagine di Squalo, tutte le proprietà
Integratore di Cartilagine di Squalo, tutte le proprietà
Un nome così esotico come Cartilagine di Squalo induce al sorriso la g
Leggi
5 HTP (5 idrossitriptofano), cos'è e a cosa serve
5 HTP (5 idrossitriptofano), cos'è e a cosa serve
Il 5-HTP, acronimo di idrossitriptofano, è una molecola da cui si gene
Leggi